Cittadinanza attiva e cultura a Palermo

Cittadinanza attiva e cultura a Palermo: intervista a Cristina Alga

"L'operatore culturale, per la sua varietà, per la possibilità di essere declinato in campi diversi, è un mestiere che io consiglio alle persone inquiete, che non si accontentano, che sono curiose, che hanno bisogno di cambiare, perché è un lavoro che ti dà la possibilità di sperimentare tanto, di muoverti in settori diversi, di avere a che fare con persone che hanno competenze ed esperienze di vita diversi. Quindi non ci si annoia mai"

In occasione dei venti anni del CRPC - Corso di Perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali, ecco l’intervista a Cristina Alga, co-fondatrice dell'associazione culturale "CLAC-Centro Laboratorio Arti Contemporanee" e alumna del CRPC VIII - 2003/04.

Cristina Alga è laureata a Bologna in Scienze della comunicazione e tornata a Palermo per scelta e passione. Si occupa di progettazione e politiche culturali fondate su alcuni principi chiave: inclusività, creatività, team multidisciplinare, uso dell’arte come strumento di partecipazione e sviluppo, dialogo aperto e negoziabile con istituzioni e imprenditori, attenzione ai processi di cittadinanza attiva, uso delle nuove tecnologie. Dal 2003 è co-fondatrice dell'associazione culturale "CLAC-Centro Laboratorio Arti Contemporanee".